• img-book

    Ranieri Antonio

ISBN: 978-88-97373-80-3
Categorie: ,

Sette anni di sodalizio con Giacomo Leopardi

di: Ranieri Antonio

Nel 1880 Antonio Ranieri pubblica Sette anni di sodalizio con Giacomo Leopardi, un piccolo volume che contiene la descrizione degli ultimi anni di vita del poeta di Recanati. Uscito oltre quarant’anni dopo la morte del poeta, il libro suscitò grandi polemiche per le rivelazioni che vi erano contenute e che riguardavano la vita più intima […]

12,00

Quantità
Nel 1880 Antonio Ranieri pubblica Sette anni di sodalizio con Giacomo Leopardi, un piccolo volume che contiene la descrizione degli ultimi anni di vita del poeta di Recanati. Uscito oltre quarant'anni dopo la morte del poeta, il libro suscitò grandi polemiche per le rivelazioni che vi erano contenute e che riguardavano la vita più intima di Leopardi. Leggendolo, si scoprono infatti i gusti e le idiosincrasie del poeta, che trascorse gli ultimi anni della sua esistenza terrena affettuosamente curato dall'amico che, oltre alle medicine, gli procurava “taralli”, “granite” e “cartocci di cannellini”. In ogni pagina, Ranieri, nel descrivere le ansie e le sofferenze del sodale, non manca di rimarcare il fatto di aver mantenuto il poeta a proprie spese. Circostanza, questa, successivamente confutata anche grazie alla scoperta di alcune cambiali che Leopardi aveva sottoscritto a favore di Ranieri. Non si comprende dunque bene quale sia stato il vero intento dell'intellettuale napoletano nel dare alle stampe questo libretto, se quello di costruire un “mausoleo” a Leopardi, o meglio quello di costruire un monumento a se stesso, convinto di poter essere ricordato non tanto per i propri meriti letterari e politici, ma solo per una Grande Amicizia.
Veste editoriale: Cucito filo/refe in Brossura
Colori interno: Monocolore
Foto/Illustrazioni: NO
Autore: Ranieri Antonio
Antonio Ranieri (Napoli 1806; m. 1888) patriota e scrittore italiano, da giovane venne allontanato dalla sua patria dalla polizia borbonica a causa delle proprie idee e dei propri scritti. Dopo aver soggiornato in diversi paesi stranieri ritornò in Italia, dove strinse amicizia con Giacomo Leopardi. Per sette anni si prese cura del grande poeta, portandolo prima da Firenze a Roma e poi da Roma a Napoli, dove si stabilì e dove lo ospitò ed ebbe cura di lui insieme alla sorella Paolina. Dopo la morte del poeta , a sue spese, fece innalzare un monumento e pubblicare presso la casa editrice Le Monnier di Firenze le sue opere (1843-1845).