• img-book

    De Balzac Honorè

ISBN: 978-88-97373-10-0

Piccole miserie della vita coniugale

di: De Balzac Honorè

Piccole miserie della vita coniugale (Petitesmisères de la vie coniugale, 1846) insieme a La Fisiologia del matrimonio (La Physiologie dumariane, 1829) fa parte degli Études analytiques, la terza ed ultima sezione nella quale è suddivisa “La Comédie humaine”, titolo che Balzac utilizzò per racchiudere il corpus delle sue opere. In questo scritto l’Autore delinea magistralmente […]

12,00

Quantità
Piccole miserie della vita coniugale (Petitesmisères de la vie coniugale, 1846) insieme a La Fisiologia del matrimonio (La Physiologie dumariane, 1829) fa parte degli Études analytiques, la terza ed ultima sezione nella quale è suddivisa “La Comédie humaine”, titolo che Balzac utilizzò per racchiudere il corpus delle sue opere. In questo scritto l’Autore delinea magistralmente tutta quella serie di avventure e disavventure sentimentali, finanziarie e familiari che caratterizzano la vita di coppia, una vita già passata al microscopio da La Fisiologia del matrimonio ed ora approfondita anche grazie alle maggiori conoscenze dell’animo umano e delle dinamiche sociali che Balzac acquistò con il passare degli anni, frequentando i maggiori salotti parigini, ma soprattutto le donne, della cui interiorità dimostra un’approfondita conoscenza.
Veste editoriale: Cucito filo/refe in Brossura
Colori interno: Monocolore
Foto/Illustrazioni: NO
Honoré de Balzac nasce a Tours il 16 maggio 1799 da una famiglia borghese abbastanza agiata. Giovane, si trasferisce a Parigi dove conduce una vita particolarmente avventurosa e disordinata, frequentando i salotti più mondani e l’alta società della capitale. Il suo spirito ribelle ed eclettico lo porta ad intraprendere diverse imprese, tutte più o meno fallimentari. Balzac fu infatti editore, tipografo, fornitore di caratteri, oltre ovviamente dedicarsi con passione alle lettere, tanto che in lui si fondono le figure del critico, del giornalista, del drammaturgo e soprattutto del romanziere. Gran parte della sua sterminata produzione venne ordinata dallo Stesso all’interno de La Comédie humaine, definita da Franco Rella “la più grande costruzione letteraria di tutta la storia dell'umanità”.