I Carati (3)

Visualizzazione di tutti i 3 risultati

Ordina per:
  • Pantheon – Agenda della laicità interculturale di: Ricca Mario 24,00

    All’interno di una società caratterizzata dalla presenza di culture e di religioni differenti che vivono le une a fianco delle altre, è necessario predisporre una agenda che possa condurre gli stati e la politica verso una forma di convivenza condivisa dove tutti si sentino egualmente accettati ed egualmente rappresentati. Per farlo è necessario introdurre un nuovo concetto: quello di laicità interculturale. Una forma di laicità equirappresentativa ed equiresponsiva. Il saggio, dopo, una attenta disamina di cosa significhi laicità interculturale delinea, attraverso l’utilizzo di verbi coniugati all’infinito (governare, cibarsi, abitare, vivere, morire), come una laicità interculturale possa essere declinata nelle azioni che ognuno di noi compie ogni giorno e che sono rilevanti per noi e per gli altri.

  • Riflessioni politiche intorno all’efficacia e necessità delle pene di: Natale Tommaso 12,00

    Nel 1764, a Milano, il giurista illuminista Cesare Beccaria dà alle stampe il suo famoso saggio dal titolo “Dei delitti e delle pene”. Un testo che rivoluzionò il concetto di pena da comminare al reo e sancì l’inopportunità, se non l’inutilità, della pena di morte e della tortura. Quasi le identiche teorie filosofiche e analoghi principi giuridici sono contenuti nelle “Riflessioni politiche sull’efficacia delle pene” che cinque anni prima, nel 1759, il Tommaso Natale aveva abbondantemente elaborato. Solo che, per pigrizia e indolenza (forse anche per paura della onnipresente Inquisizione allora operante in Sicilia), preferì parlarne con amici di tutta Italia ma non darle alle stampe, tenendosi le sue “Riflessioni” chiuse in un cassetto di una scrivania del suo ricchissimo (di libri) studio dell’ampio palazzo sito a Palermo nei pressi di porta Termini, oggi via Garibaldi.

  • Polifemo. La cecità dello straniero di: Ricca Mario 14,00

    Cosa ha da dire Omero sulle migrazioni d’oggi? Quale messaggio è cifrato nelle avventure del suo eroe, Ulisse? Forse ‘nulla’ è la risposta più esatta. Entrambi ormai tacciono. Ma è la storia a far riecheggiare le loro parole trascorse. A distanza di 2700 anni dal tempo del padre-poeta dell’Occidente, il migrare si è fatto condizione intrinseca persino dell’essere stanziali, e il muoversi, per riflesso, significa attraversare mondi già resi familiari dalla comunicazione globale. Essere migrante è divenuta insomma connotazione universale dell’esperienza umana.
    Retrospettivamente, come in un esercizio fantastico di archeoantropologia letteraria, è possibile e in un certo senso inevitabile rintracciare nelle avventure di Ulisse il prototipo dell’odierna grammatica dello spostamento e dell’incontro, del fuori e della casa, dell’anelito attraverso l’altrove alla creazione di una propria dimora.
    Tutto è condensato nel paradigma dell’ospitalità, trasfigurato e perciò scarnificato nel confronto tra Ulisse e Polifemo. Nell’antro del Ciclope si consuma il dramma dell’accecamento, della cecità causata dall’Altro e prima ancora rivolta contro di lui: riflesso e icona dell’inospitalità e dell’incapacità di conoscere e riconoscersi nell’estraneo. L’odierno dà voce a quell’avventura, alle sue immagini, perché l’antro di Polifemo si svela metafora presente dell’intero pianeta, dove tutti si scoprono ormai ignari migranti reciproci, ospiti involontari dell’Alterità. Lo spazio globale è intimamente e ineluttabilmente condiviso da tutti; l’essere autoctoni o stranieri non è più che un momentaneo costume di scena, pronto ad essere scambiato. Al fondo, proprio quel che Omero narra di Polifemo e Ulisse, schiudendo così le conseguenze del loro incontro alla nostra coscienza di moderni attraverso l’immagine dell’infinito viaggiare, l’Odissea, assunta come condizione esistenziale dell’umano e fine immanente alla sua eterna avventura conoscitiva.