I Capperi (29)

25–29 di 29 risultati

Ordina per:
  • Vivere insieme di: Sossai Maria Rosa 22,00

    L’arte come azione educativa

    Il volume ripercorre, nella prima parte, le sperimentazioni storiche di pedagogia radicale che hanno caratterizzato l’evolversi dell’edu-cazione e della ricerca artistica contemporanea, offrendo una mappa delle best practice nel campo della creazione legata alla formazione. Nella seconda parte una serie di esercizi concepiti da artisti e collettivi sotto forma di istruzioni, frasi, pensieri, innescano spazi di libertà creativa, avviando in modo vitale e dialettico processi
    ed esperienze di attivismo sociale. L’orientamento degli artisti verso forme di condivisione della conoscenza informali e auto organizzate hanno cambiato l’idea di curatela, di apprendimento e di opera d’arte.

  • Sfidando l’ignoto di: Varzi Sandro, Varzi Salvatore, Dell’Aira Alessandro, 12,00

    Antonello e l’enigma di Cefalù

    Sfidando l’Ignoto smentisce la diceria che l’Ignoto del Mandralisca fu acquistato a Lipari dal barone Enrico Pirajno. Lo dimostrano un sigillo e l’involucro di una lettera.
    Da qui la proposta di identificare l’Ignoto con un misterioso umanista, che dopo avere incontrato Antonello si stabilì a Cefalù. Il ritratto dovette giungervi con lui. La sua fortuna – del ritratto, intendiamo – inizia poco prima dello sbarco in Sicilia dei Mille.
    Ma l’astro dell’umanista era tramontato da tempo…

  • Le toilette della signora del Liberty di: Giannilivigni Ketty 14,00

    Tra Ottocento e Novecento nella Palermo internazionale dei Florio la cronaca mondana ruota attorno a Francesca Jacona di San Giuliano, moglie
    di Ignazio junior, la mitica donna Franca, il cui fascino travalica i confini dell’Isola e dell’Italia. A suo agio nei salotti e nelle feste del gran mondo, Franca Florio non si lascia imbrigliare nel cliché di “donna fatale” che ammalia gli uomini e li travolge come una moderna Circe.
    E pur rimanendo vincolata all’ideale borghese che delimita l’azione delle donne all’interno di un rigido codice comportamentale, sfugge allo stereotipo di “angelo del focolare”.
    Le sue toilette – abiti, accessori, gioielli – e il suo modo di mostrarsi in pubblico – documentato dalle foto e rintracciato sulla stampa dell’epoca – ci
    restituiscono l’immagine di una dama fiera e statuaria che si sporge dai palchi della mondanità e si impone per i suoi tratti singolari apparentemente indiscernibili.

  • Palermo dietro i vetri di: 18,00

    La città, i suoi scrittori.
    Le finestre sono luoghi privilegiati di osservazione, specialmente se chiuse, specialmente se dietro i vetri la luce è spenta. Si osserva non visti ciò che accade nel mondo, come se il mondo non ci appartenesse; ci si perde nei propri pensieri osservando un punto nel vuoto, si fantastica, si costruiscono storie.
    Abbiamo chiesto a ventotto scrittori palermitani, per nascita o per adozione, di raccontare ciò che “vedono” dalla loro finestra, senza dare loro ulteriori indicazioni. Ne è risultato un caleidoscopio letterario, che racconta meravigliosamente i mille e mille volti di Palermo, le sue strade, le sue persone, le sue storie. Un percorso attraverso le contraddizioni e le idiosincrasie di una città che lotta ogni giorno per riaffermare se stessa, per salvare la propria identità senza rinunciare alla modernità.

  • Il boss e la filosofia di: Costantino Salvatore 10,00

    Una storia vera in cui la realtà supera ogni immaginazione? Un sogno siciliano narrato realisticamente? Uno strano intreccio di realtà e fantasia? Nella Palermo del primo maxi processo, in una calda mattinata di fine primavera che prelude a un’estate rovente, capita che tre professori varchino la soglia dell’Ucciardone per esaminare un giovane detenuto, figlio di un noto boss mafioso. Una storia, che nel fluire magmatico della memoria si intreccia con tante altre storie…