Author avatar
Marchese Pasquale
1929

Pasquale Marchese nasce a Sciacca nel 1929. Da giovanissimo, a Palermo, si unisce al gruppo di studenti anarchici che faceva capo a Paolo Schicchi negli anni
1947-48. Corrispondente de «l’Ora» dal 1956 al 1958, dirige anche il quindicinale d’informazioni «La Giostra», occupandosi di cultura materiale, degli usi e dei
costumi di diversi paesi della provincia agrigentina. Dal 1956 inizia a collaborare con il sociologo Danilo Dolci, a Partinico, fino al 1962 quando matura la completa rottura del rapporto con lo stesso. A lui principalmente si deve la cura del “Convegno sulle condizioni di vita e di salute in zone arretrate della Sicilia occidentale”, tenutosi a Palma di Montechiaro nell’aprile 1960. Trasferitosi a Palermo avvia una delle prime librerie italiane per corrispondenza con l’etichetta “Libri Siciliani” che utilizzerà per pubblicare i suoi primi saggi: Breve storia e bibliografia della Marina mercantile siciliana (1982); la Bibliografia pinocchiesca (1983), Le biblioteche sprovvedute (1985), il Saggio di bibliografia mussoliniana nella provincia italiana (1987) e Che cosa fa Dio tutto il giorno? Saggio di bibliografia edificante (2002).

Altri saggi importanti sono stati pubblicati con editori diversi: L’invenzione della forchetta (Rubbettino, 1989); Gaetano Marini, verificatore di pesi e misure (Sellerio, 2008); La beffa di Lucky Luciano. Lo sbarco alleato in Sicilia (Coppola, 2010), nel quale contesta il presunto intervento della mafia italo-americana nello sbarco in Sicilia. Raffinato bibliofilo e storico appassionato, ha saputo coniugare la passione per la cultura con l’impegno civile. È morto il 24 febbraio 2012.

ALTRI LIBRI DI Marchese Pasquale
ALTRI AUTORI